Se il Buongiorno si Vede dal Mattino

Sveglia alle 5,45: devo prendere il treno.

Arrivo a Roma troppo presto per il mio appuntamento e decido di ingannare l’attesa in un negozio. Ascolto infastidita la commessa ripetere che a me quel vestito sta bene, eh sì perché io sono minuta, mentre lei, povera stangona, ha difficoltà a vestire… Così mi elenca almeno un paio di vantaggi dell’essere piccolina.

Prendo la metro, a Lepanto comincia a piovere, tiro fuori l’ombrello che è rotto. Cerco di sistemarlo ma sono in difficoltà: ho in mano l’ombrello (rotto), la borsa portadocumenti, la mia borsa e la maglia. Fa freddo e vorrei infilarmi la maglia. Decido di trasferire tutto in una mano per riuscire nell’impresa. Prendo la borsa portadocumenti con l’altra mano, il manico si rompe e la borsa cade prima sul piede e poi va per terra, bagnandosi. Mi infilo la maglia tenendo la borsa (rotta) tra le gambe, l’ombrello (rotto) in equilibrio sulla testa, la seconda borsa nella mano libera. Ci riesco!

Affronto trionfante la mia mattinata e finalmente riprendo la metro per tornare prima a Termini e poi finalmente a casa. È andata. Che altro può succedere?

Salgo sulla metro e mi torna in mente il commento infelice della commessa a cui non ho risposto. Perché se sei basso, rischi sempre di ritrovarti sotto al braccio di qualcuno.

La giornata è ancora lunga… ed io sto ancora sul treno.

metro affollata

2 thoughts on “Se il Buongiorno si Vede dal Mattino

  1. Regina Zalieva says:

    mmmmmmhhhhh…magari eravamo sulla stessa metro, anche io spesso capito su quella (direzione Ottaviano)… ehm…sotto al mio braccio c'è sempre qualcuno… ahahahahahahahahah…
    p.s. dobbiamo escogitare un modo per riconoscerci o-o, tu sei quella con l'ombrello rotto, ma se non piove? ;P

Rispondi